Federico Rizzetto

Settore: area NPL

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsApp

Federico Rizzetto
Cosa hai pensato quando sei arrivato in Banca IFIS?
Dopo aver preso la decisione di intraprendere un’esperienza lavorativa presso un’impresa privata, sono stato assunto in Banca IFIS dopo un mese dall’aver inviato il mio curriculum. Inizialmente, pensavo si trattasse di una realtà standardizzata, tipica delle realtà bancarie, ma mi sono presto reso conto che non era affatto così. Ricordo di essere stato coinvolto fin da subito dentro nuovi processi e, tra l’altro, avendo avuto la fortuna di entrare in Banca quando ancora era una realtà di minori dimensioni, ho avuto la possibilità di sperimentare tante cose diverse. Perciò, proprio grazie a questo, mi sono formato continuamente e sono arrivato alla posizione che occupo oggi.
Come sei cresciuto all’interno della Banca?
Banca IFIS è una realtà capace di stimolare molto dal punto di vista del miglioramento e del cambiamento. In questi anni, infatti, non solo ho avuto modo di cambiare me stesso in meglio ma anche di far migliorare i colleghi. Banca IFIS è un contesto in cui lavori molto su te stesso e posso dire che si tratta sicuramente di una grande palestra.
Qual è la stata la tua soddisfazione lavorativa più grande?
Tutte le esperienze in Banca IFIS hanno contribuito alla mia crescita professionale e tutte in egual misura sono state fonte di grande soddisfazione; mi auguro che anche quella che comincerò a breve nel corporate NPL lo sarà, anche se mi dispiace molto lasciare i colleghi e la struttura che ho seguito in questi ultimi due anni a Firenze.
Cosa ti aspetti dal tuo futuro professionale (e personale)?
Mi aspetto di continuare a cambiare! Dal punto di vista personale, invece, penso di avere voglia di consolidare maggiormente quello che ho imparato fino ad ora.