Giuseppe Dominici

Settore: Interbanca Treasury

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsApp

Giuseppe Dominici
1. Cos’hai pensato quando hai saputo dell’acquisizione da parte di Banca IFIS?
Conoscevo già Banca IFIS come banca dinamica e attenta a nuove aree di business finanziario lontane dalle classiche attività di una banca commerciale. Dopo quasi 8 anni nel gruppo General Electric ero curioso di ritrovare una realtà italiana, che immaginavo comunque diversa rispetto a quanto vissuto fino ad allora.

2. Descrivici il tuo lavoro e quali sono le tue soddisfazioni lavorative più grandi.
Mi sono sempre occupato di Finanza nelle sue diverse declinazioni, dalla gestione del Portafoglio di Proprietà della banca e di strumenti derivati, all’emissione di prestiti obbligazionari e altri strumenti di funding, fino alla gestione di una Tesoreria di gruppo sia dal punto di vista dei cash flows, che nelle dinamiche di gestione dei rischi di mercato e di quanto previsto dal Regolatore. Credo che la soddisfazione più grande sia quella di essere riuscito ad adattarsi alle diverse situazioni ritrovate in Interbanca in questi anni, pre e post GE, e di aver saputo sempre acquisire nuova professionalità rispetto a quanto le diverse gestioni della banca, susseguitesi negli anni, mano a mano proponevano.

3. Cosa ti aspetti dal futuro? (personale e lavorativo)
Mi auguro di avere la possibilità di mettere a frutto le mie conoscenze acquisite in tutti questi anni di lavoro, sia per dare anche il mio contributo alla crescita ed allo sviluppo della banca, sia per aiutare i colleghi più giovani nella conoscenza dei mercati finanziari e delle dinamiche che lo contraddistinguono.

4. Qualcosa da aggiungere?
Forse che come in tutte le nuove avventure occorrerà avere pazienza e spirito di adattamento al fine di ottenere un risultato che possa premiare gli sforzi di tutti.