#IFISpassion
Roberto Ghiglia

IT Specialist

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsApp

Nuovo anno e nuova appuntamento con #IFISpassion. Anche nel 2019, infatti, le #IFISpeople ci parlano delle loro passioni e dei loro talenti. Ripartiamo con Roberto Ghiglia, IT Specialist a Mondovì, ma anche un maker. Che cos’è un maker? Ce lo spiega il diretto interessato.

 

“Non so voi, ma io da quando giocavo con i Lego ho il desiderio e la curiosità di costruire, modificare o potenziare oggetti di uso comune.

Sapere che, con poche centinaia di euro, fosse possibile acquistare un kit per autocostruirsi una stampante 3D mi ha illuminato e mi ha aperto un mondo, quello dei maker, ossia chi cerca di risolvere un problema pratico costruendosi la soluzione.

Disegnare in 3D un oggetto e poi stamparselo o tagliarselo al laser, progettare un impianto di irrigazione dotato di sensori e attuatori partendo da zero dà una certa soddisfazione e la sensazione di poter risolvere piccoli e grandi problemi di chi ti sta intorno.

Nel 2015, in occasione delle Maker Faire di Roma e Torino, ho conosciuto alcuni ragazzi della provincia di Cuneo che, come me, condividevano la passione per le nuove tecnologie di fabbricazione digitale.

La novità che ha cambiato il modo di pensare la prototipazione è stata l’accessibilità, al grande pubblico dei maker, di strumenti in grado di realizzare prototipi delle proprie idee a basso costo e con tempi molto ridotti.

Con questi amici abbiamo deciso di aprire un FabLab, ossia un laboratorio di fabbricazione digitale, aperto a persone di ogni età con un’idea da realizzare e bisognose di accedere agli strumenti per realizzarlo.

Abbiamo quindi fondato un’associazione senza scopo di lucro, chiamata Make in Granda Fablab, col fine di promuovere la cultura dei maker sul nostro territorio. Qui il sito www.makeingranda.it.

Il nome dell’associazione è un gioco di parole tra il termine “made in Italy”, trasformato in “make”, e “pensare in grande”, dato che la provincia di Cuneo è nota anche col nome di provincia Granda.

Con il diffondersi del concetto di Industria e manifattura 4.0, siamo stati contattati dalla Camera di Commercio e da Confartigianato per alcune giornate divulgative ai loro iscritti.

Stiamo collaborando con medici, artisti, associazioni e scuole in progetti a fini di ricerca e didattici.

In quasi tre anni di attività abbiamo raccontato come funziona la stampa 3D a persone di ogni età, abbiamo stampato portachiavi, decorazioni natalizie, stampi per dolci, modelli in scala per gli appassionati di astronomia e per esposizioni museali, prototipi di pezzi meccanici e pezzi di ricambio per le nostre stampanti”.

 

Scopri di più su Make in Granda Fablab, clicca qui