#IFISpassion
Tiberio Andrea Cacamo

Processi Servizi Bancari e Credito

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsApp

Nuovo appuntamento con #IFISpassion e questa volta andiamo alla scoperta di un passione speciale, perché ha un obiettivo a cui tutti dovremmo puntare: il bene del mondo in cui viviamo. Questa è l’#IFISpassion di Tiberio Andrea Cacamo, Processi Servizi Bancari e Credito nella sede di Milano. Qui sotto, Tiberio ci ha raccontato (e mostrato) il suo progetto e, se volete, potete dargli una mano.

Ciao a tutti, sono entrato a far parte del mondo Banca IFIS in seguito alla fusione di Interbanca e nel frattempo non ho mai smesso di andare in kayak; ormai sono circa dieci anni e le mie escursioni svariano per i laghi e i fiumi della Lombardia e chissà se un giorno non arriverò fino in Veneto.

Negli ultimi anni ho maturato una maggiore consapevolezza dell’ambiente che mi ospita e in queste mie gite fuori porta ho iniziato a notare come anche in riserve e parchi famosi per la loro bellezza si trovasse un gran numero di rifiuti, per la maggioranza di plastica. Ho iniziato così quasi per gioco a raccoglierla, soprattutto in quei posti come canneti e isolotti in cui sarebbe impossibile recuperarla se non che con un kayak. Da questo spunto è nata l’idea insieme ad un amico regista di raccontare in un documentario il problema dell’inquinamento da plastica sul nostro territorio.

Il nostro intento in questo viaggio è quello di valorizzare la bellezza dei luoghi presentandola in antitesi agli scorci di degrado che il problema plastica e il disimpegno ambientale hanno contribuito a creare, stimolando una presa di coscienza dello spettatore. Il racconto mostrerà realisticamente la situazione delle nostre acquee, affrontando con una voce narrante anche gli aspetti meno conosciuti ma altrettanto inquietanti di questa piaga (ad esempio le microplastiche, difficili da vedere ad occhio nudo ma ormai trovate anche all’interno delle feci dell’uomo).

In questo lungo anno abbiamo cercato di muoverci in un tema infinitamente grande raccontando una storia piccola, intrecciando le informazioni scientifiche al mio percorso personale di semplice appassionato, un archeologo dell’ordinario che recupera le tristi tracce che come esseri umani stiamo lasciando sull’intero pianeta.

Abbiamo immortalato un gesto semplice come raccogliere qualcosa che non dovrebbe nemmeno essere gettato, perché è dietro la vastità e la complessità di questi temi che ci siamo nascosti sentendoci impotenti e costruendoci un perfetto alibi fatto di passività ed indifferenza.

Per concludere il documentario e poterlo presentare ai festival internazionali abbiamo ancora bisogno di un piccolo aiuto economico, per questo abbiamo creato una campagna crowdfunding dove oltre che sostenere il progetto potrete trovare maggiori informazioni:
https://www.indiegogo.com/projects/plastic-river/x/19516582?fbclid=IwAR1sZFf9WUW2G9GEQRSpDD8NAL8CC3j6htpOM83MwH5zvFpfDON_Aq8Jp_w#/

Grazie mille, ogni contributo, anche se piccolo, ci aiuterà a raggiungere il nostro obiettivo, mancano pochissimi giorni!

 

Plastic River trailer from Manuel Bob Camia on Vimeo.