#IFISpassion
Franca Sciolla

Valutazione Crediti Trasportation

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsApp

Nuovo appuntamento con #IFISpassion, la rubrica di “Lavorare in Banca” che va a caccia dei talenti e delle passioni delle #IFISpeople. Questa volta, tocca a Franca Sciolla, Valutazione Crediti Trasportation, raccontarci la sua passione: la danza del ventre.

“Sono Franca e sono entrata in azienda quasi 22 anni fa: era l’aprile 1997 e l’azienda aveva un altro nome. Ho sempre lavorato in UW, ma le mie mansioni sono cambiate molto anzi moltissimo nel tempo e ora sono un’analista di credito.

Pratico sport in palestra da quando sono piccola, perché avevo problemi di schiena. Sono passata così dalla pigrizia totale alle gare di Body Building/Fitness per il piacere di migliorare. Poi nel 2005 ho avuto molte dolorosissime complicazioni alla schiena (sciatica e ernia), ma un annetto dopo è apparsa Shakira e ha fatto venire voglia a molte donne di provare a fare quei movimenti sinuosi. Me compresa.

E allora eccomi qui: da una normale ora di danza in palestra, la passione è cresciuta a dismisura e da ormai tredici anni sono una danzatrice del ventre.
Ho frequentato corsi in scuole specializzate facendo moltissimi km per poter imparare a danzare e correggere gli errori di una insegnante non molto brava. Poi ho anche iniziato a presenziare a festival per studiare con i grandi maestri internazionali. Da diversi anni, soprattutto in estate, mi esibisco a feste di ogni genere anche in collaborazione con le Proloco o altri enti. Sono stata anche in alcune tv locali per presentare questa magnifica arte che mi ha permesso di diventare anche ballerina per eventi medievali in Piemonte e Liguria.

La danza orientale è una danza antichissima, nata in Egitto e portata in Europa da Napoleone, o almeno così narra la leggenda. Io spero di portare avanti questa grande passione ancora per anni e di avere la possibilità, magari un giorno, di esibirmi in pubblico davanti ai colleghi. Vedremo!

Franca, in arte Anbar El Nour”