Marco Fiamingo

Settore: Roll Out Management

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsApp

Perché Lavorare in Banca IFIS. Cosa ti ha spinto a voler far parte della nostra realtà e che aspettative avevi?

Sono arrivato a inizio 2015 con la curiosità di conoscere “dall’interno” un business che non era più solo un’idea, ma una certezza: la gestione degli NPL. Per chi come me veniva dal recupero crediti, significava trasformare il rischio di credito in opportunità. Un’autentica rivoluzione.

Ho percepito immediatamente una gran voglia di crescere, tramite un approccio innovativo e diverso rispetto al modello tradizionale di banca. Inoltre, l’ambiente caratterizzato da persone giovani mi ha permesso, nei due anni successivi, di crescere in modo molto rapido. E non c’è alcuna voglia di fermarsi.

Com’è il tuo ambiente di lavoro in Banca IFIS?

All’interno di Roll Out Management, mi occupo di gestire le attività propedeutiche all’acquisizione e cessione dei portafogli NPL, coinvolgendo trasversalmente tutte le strutture competenti.

Il dinamismo e l’eterogeneità sono sicuramente le componenti che caratterizzano il nostro team in tutte le varie attività, indirizzate all’interno e all’esterno di Banca IFIS.

Come è stata la tua crescita all’interno della Banca?

Ho avuto l’opportunità, in poco più di due anni e mezzo, di collaborare con 5 uffici: dal progetto Bonifica, sono passato al Servizio Valutazioni e Back Office, supportando contestualmente l’ufficio Incassi NPL.

Successivamente mi sono trasferito all’ufficio Start Up, che oggi si è strutturato diversamente e prende il nome di Roll Out Management.

Tutto ciò mi ha permesso di avere una visione d’insieme e più completa sulle svariate attività della banca, di confrontarmi e imparare da tanti colleghi diversi e di conoscere anche i processi di lavoro delle nostre controparti.

Qual è stata la tua sfida o soddisfazione lavorativa più grande all’interno di Banca IFIS?

Sapere che i risultati e i progetti aziendali passano anche da un mio piccolo contributo, così come avvertire la stima e la fiducia di colleghi, mi dà tanta energia.

E mi piace pensare che la soddisfazione lavorativa più grande debba ancora arrivare.

Cosa ti aspetti dal futuro?

Imparare, conoscere, scoprire cose nuove. Approcciarmi a nuove sfide e lavorare per farle diventare opportunità. Mi aspetto e mi impegnerò per raggiungere degli obiettivi personali coerenti con la crescita della mia persona.

Che suggerimento daresti alle nuove risorse o a chi, sta pensando di inviare il CV in Banca IFIS?

Ai nuovi colleghi, suggerisco di mettere tutta l’energia e la professionalità di cui dispongono in ciò che fanno quotidianamente. I risultati di domani passano da qui, la “sufficienza” non fa crescere.

Al potenziale collega di domani invece, dico di aspettarsi un ambiente sempre ricco di nuovi progetti e in costante evoluzione.

Insomma, da noi non c’è rischio di annoiarsi!

Qualcosa da aggiungere?

É la mia seconda esperienza in banca e quando sono arrivato qui, mi sono allontanato da casa di oltre 1.000 km, con la comprensibile preoccupazione del momento.

Oggi, posso dire di aver fatto la scelta più giusta perché amo il mio lavoro.