Silvia Lodi

Responsabile Contenzioso NPL
Settore: Servizio legale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on WhatsApp

silvia

Cos’hai pensato quando sei arrivata in Banca IFIS?
Prima lavoravo come avvocato (libera professione) in uno studio legale e non sapevo come sarebbe stato lavorare in banca, né cosa aspettarmi.
Sin da subito ho pensato a una realtà in movimento molto dinamica e frenetica rispetto allo studio legale (che invece è un mondo sicuramente più statico e antiquato).
Mi ha colpito la VELOCITA’: prima dedicavo più tempo alla fase di studio e analisi, mentre in banca la gestione del tempo e del lavoro è più efficiente, orientata a risposte veloci e concrete. La velocità caratterizza anche il cambiamento di ciò che mi circonda: processi, persone, modo di fare business.

Come sei cresciuta come persona all’interno di Banca IFIS?
Il continuo confronto con persone diverse per esperienze/provenienza/professionalità e carattere mi ha cambiato sotto tanti profili. Mi ha aperto la mente. Sono maturata e quindi più determinata e capace di relazionarmi anche al di fuori del mio specifico ambito di lavoro. Ho imparato e sto ancora imparando a gestire le persone e lo stress che tale lavoro comporta nonchè ad operare avendo una visione d’insieme, volta al raggiungimento di interessi condivisi, all’interno di un network folto e diversificato.

Qual è stata la tua soddisfazione lavorativa più grande?
Diventare Responsabile del contenzioso NPL (ex contenzioso retail, dopo essere stata responsabile ufficio reclami) nel 2014, questo dopo esser diventata mamma. Il mio rientro in Banca è stato sereno: mi sono accorta che la maternità non ha pregiudicato nulla nella mia crescita professionale.

Quali le difficoltà?
Far capire ai colleghi cosa significa fare squadra al di là del singolo e della volontà di ognuno di emergere individualmente. Far risaltare il valore della cooperazione e del gruppo al servizio degli obiettivi che ci si è prefissati.
Più cresciamo più questo è difficile, ciò anche per una poca chiarezza di fondo circa il risultato comune da raggiungere. I progetti che coinvolgono più persone/uffici/strutture non sempre sono sufficientemente chiari a tutti. Forse trovando un sistema più efficacie di condivisione che renda chiaro a ciascun ufficio anche il ruolo degli altri permetterebbe di raggiugere più velocemente e concretamente gli obiettivi comuni.
La crescita esponenziale della banca, anche in termini dimensionali ha portato ad una necessaria diminuzione dei momenti di incontro (es. convention), ma lavoro duro per far sentire tutto lo staff parte di una realtà più grande!

Vuoi aggiungere qualcosa?
Mi diverto molto! Non ho mai perso l’entusiasmo, anche grazie al fatto che qui in Banca IFIS gli stimoli non sono mai mancati. Mi aspetto che continui così!